· 

Il Consultorio Familiare "Il Girasole" al tempo del coronavirus

La pandemia, con i suoi mutevoli scenari di aree geografiche più a rischio, con la quantità di numeri che ogni giorno rappresentano le persone positive al covid, i tamponi processati con relativi positivi e negativi, i morti con quelle immagini crude dei camion dell’esercito che trasportano salme, i ricoverati in terapia intensiva o sub intensiva, i guariti, tutto questo ha determinato uno stato di instabilità che più o meno prende tutti. 

In questo scenario di guerra noi italiani abbiamo imparato che rimanere a casa e rispettare le regole significa proteggere sia noi stessi che chi lavora per proteggere la nostra stessa vita e quella dei nostri cari. Il dover rimanere obbligatoriamente in casa alcune volte ci ha costretti  a rimodellare dinamiche relazionali familiari, che forse negli ultimi tempi non avevamo considerato una priorità del nostro quotidiano; lo smart working e le lezioni scolastiche on line. Per non parlare del nostro riscoperto sentimento patriottico che non avevano mai saputo di possedere cosi forte. Il nostro modo di esorcizzare la paura cantando e salutandoci tutti dai nostri balconi o sperimentando un concerto o una cena in modalità virtuale. Tutto ciò è talmente vero e forte da essere emulati e apprezzati dal mondo intero. Abbiamo riscoperto l’orgoglio di essere italiani quando tutto il mondo parla dei nostri ricercatori, del nostro servizio sanitario nazionale che dal 1978  è pubblico, a garanzia della salute di ogni cittadino, anche di chi non può permettersi di pagare una polizza assicurativa. In queste ultime settimane c’è tutta la storia di un popolo, che ha già ricostruito sulle macerie di una guerra e che si sta dimostrando in grado di rifarlo. Tutti stiamo sperimentando il valore della spiritualità e della preghiera suffragati dal sostegno dei nostri pastori e  di Papa Francesco ( chi di noi potrà mai dimenticare la sua presenza di uomo anziano segnato nella sua fisicità che ha innalzato con forza l’ostensorio con Gesù Sacramentato porgendolo a un orizzonte proiettato verso tutti gli angoli della terra!).

In questo momento drammatico in cui le persone si trovano ad affrontare una sfida nuova ed inaspettata costituita dal diffondersi dell’infezione di un nemico invisibile, il Consultorio Familiare Il Girasole ha ritenuto fosse un suo compito ideare una nuova modalità di mettersi a disposizione della comunità.

Una squadra di specialisti, già operativa dal 2007 sul nostro territorio e in aree circostanti, continua ad assicurare il proprio aiuto e sostegno telefonicamente e on line.  Ove necessario, è cura della direzione del Consultorio inoltrare agli organi competenti richieste volte a soddisfare necessità particolari.

Le richieste vengono raccolte telefonicamente dalla segreteria (Sig.ra Rossella), che per l’occasione assicura una maggiore presenza, al numero 3314079377, ogni giorno dal lunedi al venerdi  ore 10.30/12.30 e  ore 16.00/ 18.00.   

I servizi,  che già normalmente il  consultorio offre, riguardano un ampio ventaglio di bisogni (di coppia, problemi di tipo spirituale, etico, medico, psicologico, educativo, giuridico, fiscale e finanziario ecc).

Si tratta di un momento di grande sofferenza in cui l’impegno dei nostri operatori volontari è volto sempre di più a stare accanto alle famiglie, soprattutto dove vivono persone fragili e anziani.

Insieme ce la faremo!

 

Dott.ssa Angela Scungio

Ginecologa “ F. Veneziale”

Direttore del Consultorio Familiare “Il Girasole”

Scrivi commento

Commenti: 0