CHE COSA E' UN CONSULTORIO FAMILIARE

Questo prezioso servizio è sorto in Italia subito dopo la seconda guerra mondiale, come opera di promozione, di consulenza e di educazione della persone, in vista specialmente del matrimonio. Si trattava di servizi ideati, realizzati e sostenuti da libere associazioni cattoliche. Il primo consultorio fu fondato a Milano da don Paolo Liggeri, nel 1948. E’ sull’evento storico innegabile dei consultori familiari di ispirazione cristiana e sulla loro esperienza collaudata che è maturata una mentalità e una cultura del consultorio, fino a produrre una legislazione nazionale specifica. Il 29 luglio del 1975 il Parlamento italiano votava una legge quadro, la 405, che istituiva i consultori familiari e demandava alle regioni il compito di rendere operativi i servizi con leggi proprie applicative. In Molise, è la legge regionale del 13 novembre del 1978 n. 28 che regolamenta la materia.

 

COME E' NATO

In risposta alle esigenze del nostro territorio e con la precisa volontà di integrarsi, e non di sostituirsi, ai numerosi servizi sociali attuati dalle nostre Istituzioni, con i quali già da tempo le Associazioni di volontariato cattolico, ad es. Caritas, Mov. Per la Vita, collaborano attivamente in numerose occasioni.

 

DOVE E' SITUATO

Non a caso sorge in una realtà geografica ove è presente un tessuto sociale eterogeneo, il “Quartiere della Case Popolari” di Venafro, in via Pedemontana n.41, ove, ad una porzione della borghesia medio/alta della città di Venafro, si intersecano gravi disagi sociali e familiari frutto di povertà, con antiche radici socio-culturali della folta presenza della Comunità Rom. In questa realtà, a volte esplosiva, la Chiesa opera da anni con Associazioni di Volontariato, costantemente ed in modo incisivo, senza alzare polveroni di autopromozione, cercando di dare risposte culturali, aiuto spirituale e materiale, in maniera concreta. E’ qui che opera la Caritas Diocesana, il Gruppo Scout, il Movimento per la vita, l’Associazione Scienza & Vita, il Movimento Missionario, il Volontariato Ospedaliero, gli Oratori ecc. Questo è un esempio di come la dottrina sociale della Chiesa fonda i suoi cardini su principi che hanno un carattere generale e fondamentale, poiché riguardano la realtà sociale nel suo complesso: il principio della dignità della persona, quello del bene comune, della sussidiarietà, e della solidarietà.

 

QUALI SERVIZI OFFRE

Le attività di un consultorio si riferiscono a fasi specifiche o a specifici compiti del ciclo di vita della famiglia e, in particolare, a : 1. la formazione della persona alla capacità di relazioni personali adulte e la prevenzione delle patologie relazionali 1. la formazione della coppia e le sue problematiche coniugali e genitoriali 2. la procreazione responsabile e le tematiche della fertilità e della infertilità 3. l’espressione della sessualità nei rapporti umani In ogni caso il servizio offerto è di tipo specialistico ed è inteso soprattutto come: 1. Consulenza 2. Prevenzione La consulenza è un servizio offerto alle persone in relazione familiare, sia come famiglia già costituita , sia a coppie di fidanzati. Non è sempre un’azione propriamente terapeutica e tende a fare in modo che le stesse persone che si rivolgono al consultorio diventino i protagonisti del superamento della loro difficoltà. Nella fase della consulenza, l’intervento si sviluppa in tre fasi: l’accoglienza, l’ascolto dei problemi, la relazione d’aiuto mirata a promuovere chiarificazione e sostegno, affinché i soggetti mobilitino le proprie risorse per affrontare e superare il disagio. A volte la consulenza fa emergere la necessità di un intervento specialistico , anche di tipo terapeutico. La prevenzione viene attuata attraverso specifiche azioni sul territorio, con iniziative rivolte a singole persone o a fasce di popolazione (es. adolescenti, giovani, insegnanti, sposi, presbiteri), di carattere informativo/formativo. Essa può essere attuata anche con monitoraggio riguardo a specifiche problematiche esistenti sul territorio di competenza (es. quante donne ricorrono all’aborto e di queste, quante le adolescenti; il numero/anno di divorzi concordatari e non; coppie che ricorrono alla PMA).

 

 

COME E’ ORGANIZZATA L’EQUIPE DEL NOSTRO CONSULTORIO

I nostri operatori sono professionisti qualificati che mettono a disposizione della comunità parte del loro tempo libero, in modo completamente gratuito, senza percepire neanche un rimborso spese. La motivazione del loro impegno è la convinzione che i valori dell’antropologia cristiana sono di “vantaggio” per tutti e che nella cultura oggi dominante la famiglia è in situazione di grande fragilità, nonostante tutti ne parlino.

 

 

SOSTEGNO ALLA DISABILITÀ

Il Consultorio Familiare Diocesano dispone di una struttura, sita in via Pedemontana n.41 - Venafro, totalmente priva di barriere architettoniche, garantisce pertanto l’agevole accesso sia alla zona uffici si alla sala conferenze. Garantisce pertanto la piena fruizione di tutti i servizi offerti.