Psicologo

Gli psicologi offrono alla persona in tutte le fasi della vita (minore, preadolescente/adolescente, giovane, adulto ed anziano), alla coppia e alla famiglia; uno spazio di:

ascolto;

orientamento;

sostegno a coloro che si trovano in difficoltà e che desiderano condividere il proprio disagio.

 

  1. L’ascolto, “dare ascolto” significa innanzi tutto volere accogliere la persona e le esperienze che porta con sé, offrendole un “tempo” per raccontarsi e dare voce alle proprie richieste favorendo, quindi un ascolto autentico che si basa sulla totale apertura all’altro, senza pregiudizi e senza filtri, rispettando la sua sofferenza e la fatica di raccontare il dolore, ma soprattutto comprendendo il dolore e il bisogno di poterlo condividere.
  2. L’orientamento è fondamentale, agli occhi di chi si rivolge al professionista, quando non si conoscono le proprie potenzialità e si ha paura di fare le scelte sbagliate, pertanto può essere utile confrontarsi con qualcuno che sappia aiutare a riconoscere le attitudini personali e a sviluppare la giusta motivazione per realizzarle. Orientare significa quindi rendere la persona più capace di investire tempo ed energie su se stessa, più consapevole degli obiettivi che intende raggiungere e più responsabile delle conseguenze che possono derivare dalle proprie scelte, aiutandola ad affrontare con fiducia il cambiamento.
  3. Il sostegno psicologico consiste nell’offrire aiuto alla persona in difficoltà accompagnandola in un percorso di conoscenza di sé che, attraverso la relazione empatica con lo psicologo, le consenta di acquisire piena consapevolezza dei propri bisogni ed emozioni e di comprendere i propri limiti, intravedendo in essi uno stimolo a dare il meglio di sé. Ecco che il sostegno, prima di essere una soluzione al problema presentato, è valorizzazione della persona, del suo “star bene” e dei suoi “punti di forza”, necessari per rispondere alle richieste e alle responsabilità della vita. Lo psicologo non si sostituisce alla persona nel prendere decisioni, ma dà spessore alle sue riflessioni e rinforza le sue capacità di ragionamento. Favorendo nella persona una presa di contatto con aspetti di sé appena in ombra, la si aiuta ad avere rispetto anche del proprio disagio, scoprendone significati più rassicuranti.

  

Il servizio di consulenza psicologica, strutturato in cinque incontri base ed un conseguente invio - qualora risulti necessario - presso le strutture pubbliche competenti.

 

Come si accede al servizio:

- si contatta la segreteria;

- si compila la cartella e la modulistica della privacy;

- la segreteria, verificata la disponibilità del professionista, ricontatta l’utente per l’appuntamento.